Articoli con tag: strega

Giveaway: Acqua di Florida!

Una delle etichette originali

Per la fatica che ci ho messo a sbucciare questa quindicina di agrumi, io spero vivamente che il risultato sarà all’altezza delle aspettative odorose e energetiche.  I primi 5 litri sono in preparazione  e prossimamente vorrei provare a proporli da qualche parte. Dato che non ho mai fatto niente del genere prima (cioè vendere cose che produco), ecco la mia proposta a voi lettori con le mani in pasta: io ora mi informerò per quanto riguarda imbottigliamento e spedizione. Se siete interessati/e a provare l’Acqua di Florida di mia produzione, ne manderò un litro in giro per l’Italia, gratuitamente, a patto che mi facciate sapere se vi è piaciuta e se, ovviamente, funziona. Se tutto va bene sarà pronta per gli inizi di novembre, quindi ovviamente ci sarà un po’ di attesa.

Ora non so quanti saranno interessati, l’idea di base potrebbe essere quella di imbottigliare 5 recipienti da 200 ml così da inviarlo a 5 di voi. A seconda ovviamente delle richieste e dei costi di spedizione vi saprò dire tra un pochino. Nel frattempo, se l’idea vi stuzzica (spero di sì), potete scrivermi a erin.hazelbuck@gmail.com o commentare qua sotto con dubbi, domande, proposte.

L’Acqua di Florida viene utilizzata per purificare, energizzare, aprire il cammino, per pulire il corpo e gli strumenti, può essere aggiunta all’acqua del bagno o a essenze con scopi rituali. Può essere utilizzata per purificare la casa, ma non può essere ingerita. E’ ottima per libagioni, offerte, qualsiasi tipo di nutrimento spirituale (che, ancora una volta, non vuol dire che la dobbiate bere!!). Ovviamente come tutte le acque profumate può anche semplicemente essere spruzzata per la sua gradevole essenza agrumata.

Una specifica: questa particolare ricetta non è a base di oli essenziali, come alcune ricette note, anche se volendo si possono aggiungere a piacere. Il profumo è ottenuto direttamente dagli agrumi e dalle altre erbe, spezie ecc, per questo motivo il procedimento è un po’ più lungo. Nel futuro proverò a realizzare anche la ricetta classica, ma secondo me la freschezza degli ingredienti è un valore aggiunto notevole, dal momento che l’ashé, l’essenza vitale, è sicuramente più forte.

Annunci
Categorie: Giveaway | Tag: , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

Stoppini fuori controllo…

…ovvero la storia di una candela che ha deciso di consumarsi in 20 minuti.

Nella prima foto noterete sulla destra una seconda fiamma più debole rispetto a quella principale, e nella terza si vede (poco, ma c’è!) un’ulteriore fiammella. La candela, inutile dirlo, era per questioni amorose. Nel giro dei famigerati 20 minuti è passata dalla situazione 1 alla situazione 4, con una cascata di cera rossa che sarà un piacere tutto mio pulire dal tavolo bianco ikea.

Onestamente è la prima volta che vedo questo fenomeno degli stoppini che perdono pezzi e vanno a creare fiamme multiple, e accendo parecchie candele! Anche sopra quella bianca, che se ne stava buona buonina, a un certo punto è comparsa una seconda fiamma. All’inizio ho detto – bene, sta funzionando – poi quando ho visto che si arrivava a uno scioglimento generale con un profluvio di fiamme e fiammine ho capito che il messaggio era un attimo diverso e meno lineare. La cosa è incasinata, non superata, nemmeno lontanamente. a confermarlo stanotte ho fatto un bel sogno illuminante, di quelli che non mi capitava da tempo di fare, con tutti i personaggi di questa storia. Il bello è che non avevo tirato in causa nessuno in particolare, volevo solo lasciarmi tutto alle spalle, e invece, eccoci ancora qua.

NB: Quando una candela brucia spargendo se stessa tutto intorno non è necessariamente una cosa negativa, anzi. Nella cera, così come nella fiamma, si possono rintracciare messaggi e proiezioni sul futuro risultato.

 

2013-07-03-6752013-07-03-674 2013-07-03-6762013-07-03-677

Qualche annotazione finale, per i curiosi.. come offerta questa volta ho utilizzato un bicchiere d’acqua pieno di miele e rum. Se offrite del miele ad Oshun, come in questo caso (Oshun è l’orisha dell’amore, tra le altre cose), dovete assaggiarlo prima davanti a lei, per dimostrarle che non è avvelenato.

 

Categorie: Candele | Tag: , , , , , , , , , , | Lascia un commento

L’Archetipo in pillole

La psicologia e l’occultismo sono uno di quei connubi amorosi che se da un lato possono elevare lo spirito a nuove vette di auto-consapevolezza dall’altro hanno creato nel tempo dei mostri culturali inespugnabili basati soprattutto sulla pigrizia e sulla cattiva informazione.

Per cui oggi cercherò di fare chiarezza, da profana, su un concetto Junghino ABUSATO dal mondo neopagano (e non solo), definito in modo più o meno fantasioso a seconda delle necessità.

Secondo Jung gli archetipi esistono nell’inconscio collettivo. Essi sarebbero innati, universali ed ereditari. Gli Archetipi quindi non sono appresi e organizzano l’esperienza che facciamo di determinate cose.

Ne La Struttura della Psiche Jung afferma: “Tutte le idee più rilevanti che rintracciamo nella storia si possono far risalire agli archetipi. Questo è particolarmente vero per le idee religiose, ma anche i concetti centrali della scienza, della filosofia, dell’etica non fanno eccezione. Nella loro forma presente sono varianti di idee archetipiche create dall’applicazione e dall’adattamento cosciente di queste idee alla realtà. Poiché è la funzione stessa della coscienza, non solo riconoscere e assimilare il mondo esterno attraverso i sensi, ma anche di tradurre in realtà tangibile il mondo dentro di noi.”

Jung identificò quattro principali archetipi, ma credeva che non ci fosse limite al numero di archetipi esistenti.

Gli Archetipi sono dunque forme universali del pensiero dotati di contenuto affettivo.

Tra questi i più noti sono l’Ombra, il Sé, L’Anima e l’Animus.

(Fonti:
http://www.my-personaltrainer.it/salute/ombra.html
http://psychology.about.com/od/personalitydevelopment/tp/archetypes.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Archetipo)

la Strega, la que sabes, è uno dei più famosi archetipi femminili insieme a quello della Madre

Perché è importante conoscere e studiare gli Archetipi? Non solo per sfizio personale (che è comunque un buon motivo), ma soprattutto perché prendere consapevolezza di come funzionano e di quali contenuti simbolico affettivi sono portatori ci permette di 1) individuarli e interpretarli nella nostra vita con consapevolezza 2) saperli riconoscere nella nostra pratica, nei nostri sogni ecc 3) utilizzarli per qualcun altro, se siamo quel tipo di streghe interventiste che a me piacciono tanto.

Certo è che io non sono una psicologa, ma solo un’amante del genere, quindi non posso né mi permetterei mai di consigliarvi un percorso piuttosto che un altro, degli esercizi o delle tecniche perché quando si tocca la psiche in modo sbagliato non si hanno mai grandi risultati. Tuttavia gli archetipi, in quanto tali, ci appartengono di diritto, sono parte della nostra stessa struttura mentale, ce ne circondiamo ogni giorno, ne scriviamo, ci colmano gli occhi.

I Tarocchi di Marsiglia sono un esempio ben noto di immagini archetipiche

Andiamoli dunque a cercare tra i racconti dell’infanzia, nei libri di mitologia, nelle immagini pubblicitarie, nei video musicali, nel nostro albero genealogico, nell’arte, nelle nostre relazioni amorose e amicali, non ci sarà limite alla scoperta.

“Gli archetipi aiutano a definire personaggi e ruoli” da Brand Archetype Model, Pearson & Mark (2001)

La donna con il serpente in una pubblicità di un noto profumo

 

 

 

Categorie: Dark Witchcraft, Psicologia, Sognare | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Streghe vaganti, inquieti parenti

Quando iniziai il mio percorso una delle cose che più mi stupivano erano la costanza e l’organizzazione necessarie per sviluppare una pratica degna di tale nome. E vivevo ancora con i miei, andavo a scuola, viaggiavo giusto d’estate se capitava. Ora che mi sposto veramente tanto per vari motivi il discorso delle scadenze è diventato parecchio pressante. Ad esempio, nella mia stanza ho un accenno di altare per gli antenati di cui mi prendo ritualmente cura ogni lunedì. Come voi già saprete non di scherza moltissimo con queste cose, una volta che cominci a farle. Per adesso è filato tutto liscio, perché il caso ha voluto che io ogni lunedì fossi presente all’appello. Lunedì scorso invece non c’ero, sono tornata martedì e, guarda caso, appena metto piede in camera la prima cosa che noto è la foto di mia nonna – SUL PAVIMENTO.

Continua a leggere

Categorie: Vita da strega | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dimmi come brucia la tua candela e ti dirò chi sei

E’ lo spirito che parla attraverso la candela, in merito al tuo lavoro o alla tua vita, ti fa capire se la tua preghiera sarà esaudita, o se ci sono blocchi spirituali ancora da rimuovere per far sì che ci sia una risposta alla tua richiesta. 

Quando lavoriamo con le candele, imparando a leggere la fiamma e altri elementi, possiamo comprendere se la cosa sta andando a buon fine, se ci saranno dei problemi, come reagisce la persona per cui la candela è stata accesa, e via dicendo. La lettura delle candele si rivela quindi un’ottima forma di divinazione, riferita in particolare alla situazione per cui la/le candele sono state accese.

Ovviamente, come sempre, bisogna usare un po’ di buon senso e di spirito critico. Le candele bruciano in modo diverso per loro stessa composizione. Alcune (anzi, la maggior parte), come ben saprete, non sono nemmeno fatte di cera, lo stoppino può essere difettoso, abbiamo candele in vetro, in plastica, o candele poggiate su un piatto. Insomma, ogni elemento fisico o dell’ambiente influenza l’andamento della candela, ed è facile diventare preda delle proprie suggestioni. Ad esempio, se la fiamma della vostra candela è molto agitata, prima di saltare alle conclusioni, controllate se ci sono spifferi, o fonti di calore come un termosifone, o voi stessi che respirate o vi muovete vicino alla candela deviandone la fiamma. Se il vetro in cui la candela brucia si rompe, magari non era adatto a contenere una fiamma viva! Insomma, prima di stabilire che un segno è tale fate dei confronti sullo stesso tipo di candela nello stesso ambiente e siate sempre scettici (soprattutto per non andare in paranoia nel caso di “segni” negativi).

Continua a leggere

Categorie: Candele | Tag: , , , , , , , , , , | 4 commenti

Perché mi dovete chiamare STREGA senza pensare che sia rimbambita

La domanda più legittima che mi sono sentita porre in riguardo alle mie scelte religiose è se per caso fossi diventata stupida. Perché effettivamente una ragazza di 20 anni che alla domanda Ma quindi sei una strega? Risponde In pratica sì effettivamente potrebbe avere qualche rotella fuori posto o un’infanzia da dimenticare.

Quindi vorrei spiegare qui brevemente perché è importante dire strega così come è importante se qualcuno vi da della puttana rispondere “certo, a tutti piace il sesso”. 

Puttana, Strega, Zitella e chi più ne ha più ne metta non sono altro che nomi appiccicati alle donne nel corso dei secoli per recintare le loro scelte e la loro personalità nell’ambito di una cultura gretta e misogina. Le prime donne a interrogarsi sull’argomento non a caso per prima cosa si riappropriarono precisamente di questo lessico per cambiarne i limiti e il contenuto.

Uno dei telefilm più disprezzati dai pagani (e anche il più visto, ammettetelo) è ad esempio Streghe (o Charmed, in lingua originale). Pensate a che tipo di rivoluzione dell’immaginario ha portato un semplice telefilm: la Strega non è più una vecchia satanista, ma una giovane bella e moderna dalla parte del bene. E questo per fare un esempio noto a tutti. 

Per questo quando ci definiamo streghe non siamo sceme o rincretinite, ma vogliamo semplicemente delineare un nuovo volto nel panorama bombardato del femminile: una donna saggia, consapevole del proprio corpo, presente a se stessa e ai suoi cicli, capace di intervenire nel bene e nel male. 

Immagine

 

Categorie: Vita da strega | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

Tra il dire e il fare..

Un brevissimo brano tratto dal mio Libro delle Ombre, ispirato a suo tempo da una grande donna e strega che ho avuto la fortuna di conoscere durante il mio cammino, quando ero molto giovane (addirittura più giovane di adesso!). E’ una lezione che mi piace leggere ogni tanto perché, nonostante tutto, continuo a combinare casini e a volte non riesco a rimanere fedele alle mie intenzioni. Ripetermi queste parole ha però un effetto di rinnovamento ogni volta, mi fa ben sperare per il futuro, mi da la sensazione di poter essere il cambiamento che vorrei vedere nel mondo. E’ anche una bella lezione di vita, per questo vorrei condividerla con voi.

Una strega vale quello che dice. La Dea ha voluto insegnarmi questo: chi dice e non fa non ha potere. Quello che mi è successo non era una punizione ma una lezione. Se non ho abbastanza potere personale da mantenere gli impegni che mi assumo nella vita di tutti i giorni, non sarò mai capace di esercitare alcun potere nel rituale. Io sono ciò che dico. Il valore non si costruisce con le parole, ma con i fatti. Quando scelgo qualcosa e lo decido per la mia vita, automaticamente rifletto le mie stesse idee, io divento la mia realtà.
“Io so che ciò che dico diverrà vero”.
Io plasmo il mondo con la mia volontà. Io decido di essere vittoriosa, è tutta una questione di volontà. 
Categorie: Vita da strega | Tag: , , , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

Vox Shrine

Le blog sur la Wicca de Voxifera

Shaila

Vita Segreta di una Strega di Campagna

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

On a Druid's Way

The prettier the Garden, the dirtier the hands of the Gardener

Traditional Witchcraft and Occultism

Articles and Books about Traditional Witchcraft and the Occult

Bohemian Whisper

Vento nell'anima, gomitoli tra le dita e musica gitana tra i capelli

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Siena Esoterica

Cor magis tibi Sena pandit

The Jarldom

"The Clash of Honor Calls to stand when the others fall"

Madame Belle

A fine WordPress.com site

Voci Pagane

Progetto editoriale a cura di Sarah Bernini

  Rogue Priest

a philosopher's journey to meet the gods

Rob's Magick Blog

I got voodoo I got hoodoo I got things I ain't even tried... and I've got friends on the other side

Book of Lights

(NEO)PAGAN LIFE

Hoodoo Crossroads

Hoodoo and Rootwork Spells, Tips and Information

New World Witchery - the Search for American Traditional Witchcraft

A show about magic and witchcraft in North America

Priestess of Hekate

Hestia's Blog