Neofiti

Letture Wiccan, ovvero come smetterla di puntare il dito

L’altra sera ero alla presentazione romana di un libro che ha catturato la mia curiosità per il nome dell’autrice e per le buone parole spese da tutti quelli che l’avevano letto. Si tratta de I Poteri della Wicca di Vivianne Crowley. Apparte il titolo infelice è un libro che mi sto letteralmente divorando e di cui onestamente si sentiva il bisogno. Perché se è vero che non tutti i libri sulla Wicca provenienti dall’America sono merda, quelli buoni non sono molti, e il dato da non dimenticare è che la Wicca è forse l’unica religione che l’Inghilterra abbia regalato al mondo. Questo incontro letterario inoltre è capitato proprio mentre stavo finendo di leggere (anche lì, avidamente), l’autobiografia della stupenda Maxine Sanders intitolata Firechild.

Continua a leggere

Categorie: Attualità, Neofiti, Neopaganesimo | Tag: , , , , , , , , , , , , | 8 commenti

L’iniziazione è un fatto umano

Tempo fa parlavo della mia personalissima difficoltà a fidarmi completamente di una guida “religiosa”.

Sono precisamente 11 anni che ho rifiutato qualsiasi ingerenza nel mio percorso, atteggiamento che mi ha portato anche a scaricare indegnamente la coven Wicca che avevo trovato dopo tanta fatica e tante ricerche. Perché se da un lato il bisogno di imparare da qualcuno, di affidarsi, è sempre stato presente, dall’altro la fiducia nel prossimo è sempre stata poca, a prescindere. Fiducia sulla qualità e sulla realtà di ciò che viene insegnato e fiducia sulla persona che te lo insegna. In Italia (e dico così semplicemente perché è l’unica realtà che posso dire di conoscere), nasce una corrente al giorno, una sacerdotessa al giorno. E non va bene. Pur sentendomi ormai estranea al discorso prettamente neopagano, che pure ha modellato la mia persona per tanti anni e negli anni più importanti, storco il naso di fronte alla deriva a cui stiamo assistendo.

Un osservatore attento non potrà che concordare, ma non è questo ciò di cui volevo parlarvi oggi.

Continua a leggere

Categorie: Neofiti, Santeria, Vita da strega | Tag: , , , , , , , , , | 2 commenti

Cercare il confronto o cercare un maestro?

Quest’anno mi sono trovata in una condizione di grazia per un certo periodo di tempo. Credevo di aver trovato finalmente un maestro nel mio percorso spirituale ma la verità è che non lo volevo veramente, infatti sono riuscita a far saltare in aria tutto con veramente poca classe.

Il problema però che vorrei porre non è la mia vicenda personale, ma piuttosto una questione più generale che tocca da vicino spesso anche in modo significativo molti neopagani: la questione dell’insegnante.

Non ho dubbi che moltissimi di noi sono sul cammino da anni e spesso non per scelta personale i loro contatti con altri neopagani o comunque con persone affini si realizzano esclusivamente per mezzo internet o in maniera molto sporadica di persona. Per questo diventa difficile capire di cosa si ha bisogno veramente nel momento in cui cominciamo più o meno intensamente a ricercare un contatto vis a vis, personale, con qualcuno.

Tra il cercare un insegnante e il cercare un confronto o un’amicizia ce ne passa. Nessuna delle due opzioni è da scartare, le persone che avevo incontrato erano semplicemente stupende ma ognuno di noi ha un carattere differente. Io, ad esempio, sono molto restia dopo un tot di tempo a farmi indirizzare. Quello di cui avevo ed ho ancora bisogno invece è il confronto in comunità, la condivisione delle mie esperienze e l’ascolto di quelle altrui. Sia per un fatto di crescita (confrontarsi ad esempio su tecniche, conoscenze spesso è utile per tracciare la linea tra realtà e fantasia), sia per un fatto di non volersi legare stabilmente ad una tradizione e a tutto ciò che questo comporta (e comporta un sacco di belle cose, ma anche molti oneri), mantenendo comunque un rapporto di reciproca stima e amicizia.

La mia impressione è che spesso si confondano i due piani. L’insegnamento continuo vs la ricerca di condivisione con persone fisicamente presenti.

E’ una domanda da porsi attentamente prima di scomodare un bravo insegnante e ha molto a che fare con il carattere personale. Ci sono alcuni di noi che sono solitari per natura, non riescono ad abbracciare mai completamente un cammino prestabilito ma desiderano invece un cammino tra persone unite, pari ma allo stesso tempo indipendenti nei loro percorsi nell’Arte. Non è una via migliore o peggiore delle altre, è sempre e solo una questione di sapersi ascoltare e conoscere la propria indole.

Categorie: Neofiti | Tag: , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Lettera aperta ad un neofita

etimologia di Religione tratta da http://www.etimo.it

Mi rivolgo a voi che là da qualche parte potreste imbattervi nel mio blog ed avere la curiosità o il desiderio di entrare a far parte del vasto panorama neo-pagano.

A voi voglio assolutamente dire: lasciate perdere. Perché è un percorso difficile, ingarbugliato, pieno di trappole e di problemi reali primo tra tutti decidere di aprirsi con gli altri a riguardo. Non è un gioco, non è solo psicologia, non è solo antropologia, è una vera e propria scelta di vita che bene o male influenzerà tutti gli ambiti del vostro vivere quotidiano. Se volete sentirvi solo contemporanei, se volete fare incazzare i vostri genitori, se volete esclusivamente abbracciare l’estetica neo-pagana ve lo dico onestamente: il gioco non vale la candela. Verrete derisi, insultati, dovrete nascondervi, dovrete fare a botte per trovare il tempo di celebrare e di studiare e vi troverete a dover conciliare le vostre credenze con un mondo che se ne sbatte altamente di voi e dei vostri piccoli passi nel mondo degli spiriti. Se non volete farlo veramente vi troverete in qualche anno ad un punto morto. Sarete pieni di libri inutili, pieni di strumenti rituali a prendere polvere sullo scaffale e pieni di convinzioni dettate dalla moda del momento. Se non volete farlo veramente andrete ad ingrossare le fila dei figli della mamma degli stupidi, e farete innervosire anche chi queste cose le fa seriamente, le vive, le suda.

La vita della strega praticante è una vita di ricerca, di evoluzione e di cambiamento. Sono tre parole molto belle da scrivere e sentire, purtroppo quando le vivi ti rendi conto che farne esperienza è meno piacevole. La Strega è una donna saggia, e la saggezza purtroppo non è uno stato di grazia. La wiccan è una persona capace di piegare la realtà e vi assicuro che la frase “la strega è responsabile di ciò che fa e del suo ambiente” non è uno slogan, è parte del patto che stringiamo con noi stesse e con gli Dei, con gli spiriti con cui lavoriamo, con gli elementali e con tutta la compagnia delle ombre. Bisogna essere dediti e disposti a. A migliorarsi, a spendere tempo ed energie, a rischiare e soprattutto a starsene zitti (vedi piramide della strega).

Se decidete di dedicarvi,  o di autoiniziarvi senza essere consapevoli di quello che fate, uscite dal cerchio adesso. Sembra tutto molto facile quando lo leggiamo sui libri ma mettere in pratica anche solo le basi sarà un impegno rilevante. Quando gli Dei che onorate cominceranno a interferire con la vostra vita e voi non ve ne renderete conto sarà un bel casino per tutti. Quando vi renderete conto che la Natura non è lì sempre disponibile ma va conquistata come alleata vi chiederete “chi me lo ha fatto fare”. Appunto, non fatelo dall’inizio.

Se invece non ne potete fare a meno, voglio dirvi felice incontroMi sento di poter riassumere tutto quello che penso in tre punti:

  1. La Wicca NON è l’unica religione neo-pagana. Esistono tonnellate di correnti al giorno d’oggi, forse troppe. L’unico modo che avete di capire quale è giusta per voi è studiarne molte e cominciare a praticarne una. Se cambierete idea nessuno sarà lì con il fucile puntato. Solitamente chi è intenzionato a seguire una religione neo-pagana si prende un anno e un giorno per decidere se quel percorso è adatto a lei/lui o meno. Vi consiglio caldamente di prendervi l’anno e di sfruttarlo il più possibile, anche se non rimarrete su quella strada avrete imparato molte cose.
  2. Non c’è differenza tra internet e il cartaceo: sono entrambi pieni zeppi di cazzate. Usate giudizio quando leggete qualcosa, controllate sempre la bibliografia, i riferimenti, la veridicità storica e scientifica di quello che viene affermato.
  3. Andate nella Natura. Andate al parco, andate nell’aiuola sotto casa, osservate gli animali che vi circondano, anche se non sono carini o fatati, anche se sono mosche e piccioni, quella è Natura. Parlate con gli alberi, radicatevi su della vera terra e meditate assieme agli spiriti del luogo, stringete amicizia con loro. E’ la parte più difficile per noi che viviamo in città. Ma nessuno ha mai detto che questa sia una via facile.

Ma c’è una cosa ancora più importante, che infatti lascio per ultima così può rimanervi bene impressa: non mentite a voi stessi. Chiedetevi ad un certo punto “in cosa credo? in cosa non credo?”, fate i conti con chi siete voi e dove volete andare, perché così come il Cristianesimo non è l’unica via vi assicuro che nemmeno la Stregoneria è fatta per tutti e che c’è sempre l’opzione che voi siate atei, e andrebbe benissimo così. Non è relativismo feroce, è un consiglio amorevole che vi do per stare in pace con voi stessi. Le scelte che fate a livello religioso (che includono il non essere religiosi) riguardano voi e voi soltanto.

Il sito internet dell’osservatorio sulle nuove religioni in Italia

Il sito dell’Unione Atei Agnostici Razionalisti (UAAR)

Categorie: Neofiti, Vita da strega | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Vox Shrine

Le blog sur la Wicca de Voxifera

Shaila

Vita Segreta di una Strega di Campagna

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

The Fae's Crossroad

The prettier the Garden, the dirtier the hands of the Gardener

Traditional Witchcraft and Occultism

Articles and Books about Traditional Witchcraft and the Occult

Bohemian Whisper

Vento nell'anima, gomitoli tra le dita e musica gitana tra i capelli

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Siena Esoterica

Cor magis tibi Sena pandit

Jarl Halfdan Page

"The Clash of Honor Calls to stand when the others fall"

The Narcissistic Anthropologist

Someone has to notice

Madame Belle

A fine WordPress.com site

Voci Pagane

Progetto editoriale a cura di Sarah Bernini

  Rogue Priest

a philosopher's journey to meet the gods

Rob's Magick Blog

I got voodoo I got hoodoo I got things I ain't even tried... and I've got friends on the other side

Book of Lights

(NEO)PAGAN LIFE

Hoodoo Crossroads

Hoodoo and Rootwork Spells, Tips and Information

New World Witchery - the Search for American Traditional Witchcraft

A show about magic and witchcraft in North America

Priestess of Hekate

Hestia's Blog